Moda

Slow Fashion, Perchè è il Futuro della Moda?

La moda è uno degli aspetti più importanti della nostra vita quotidiana, ma come possiamo viverla in modo più responsabile?

Come sappiamo, l’industria della moda è una delle più grandi e influenti al mondo, ma allo stesso tempo è una delle più dannose per l’ambiente e per le persone che vi lavorano. Nonostante sia risaputo che il fast fashion consiste nella produzione rapida ed economica di capi di abbigliamento che spesso vengono utilizzati solo per un paio di settimane prima di essere scartati, abbiamo davvero un’idea di quanto sia grave il problema?

L’industria della moda è responsabile del 10% delle emissioni globali di carbonio ed è seconda per consumo d’acqua a livello mondiale, e la maggior parte di questo consumo di risorse finisce sprecata. Secondo un rapporto della Ellen MacArthur Foundation, ogni secondo viene smaltito o bruciato l’equivalente di un camion di rifiuti di prodotti tessili.

Il fast fashion ha creato l’abitudine di consumare eccessivamente i vestiti, rendendo facile seguire le tendenze della moda senza pensare se si tratti di qualcosa che si può o si vuole indossare a lungo.

Questa tendenza non danneggia solo il pianeta, ma anche le comunità e interi luoghi, a causa di tutte le sostanze chimiche e dei processi nocivi utilizzati nell’industria. Fortunatamente, sta crescendo il movimento dello slow fashion, letteralmente “moda lenta”, che mira a promuovere un modo più sostenibile ed etico di interpretare e vivere il mondo della moda. Questa settimana è fondamentale per gli attivisti dello slow fashion e per chi si vuole contribuire attivamente al cambaimento.

È infatti la Fashion Revolution Week 2023, una settimana ricca di azioni, eventi e campagne volte a sensibilizzare sull’impatto dell’industria della moda e orientata alle soluzioni che potrebbero cambiare futuro della stessa.

Picture of Fashion Revolution 2018, San Francisco  Copyrights: Fashion revolution

Cos’è lo Slow Fashion e Perché lo Amiamo?

Lo slow fashion consiste nel creare e consumare abbigliamento in modo più ponderato e responsabile. Enfatizza la qualità rispetto alla quantità, incoraggia metodi di produzione locali ed etici e promuove una comprensione più profonda dell’impatto delle nostre scelte di abbigliamento sul mondo che ci circonda.

I Principi Chiave dello Slow Fashion

Uno dei principi fondamentali dello slow fashion è quello di concentrarsi sulla qualità. Invece di acquistare capi di abbigliamento economici e usa e getta che cadono a pezzi dopo poche settimane di utilizzo, lo slow fashion ci incoraggia a investire in capi ben fatti e resistenti che dureranno per anni. Questo non solo aiuta a ridurre gli sprechi e il consumo eccessivo, ma significa anche che avremo un guardaroba di pezzi che amiamo veramente e che riflettono il nostro stile.

Un altro aspetto importante è l’attenzione ai metodi di produzione locali ed etici. Ciò significa che gli abiti sono prodotti nel rispetto dell’ambiente e delle persone che li producono. I marchi slow fashion spesso danno priorità all’uso di materiali sostenibili, come il cotone organico o i tessuti riciclati. Possono anche lavorare con artigiani e artigiane che vengono pagati equamente per il loro lavoro.

Questo aspetto della slow fashion porta a un’altra caratteristica essenziale, ovvero l’attenzione alla trasparenza e alla responsabilità. I marchi di slow fashion sono spesso molto aperti sui loro processi produttivi, sull’approvvigionamento dei materiali e sulle pratiche di lavoro, il che consente ai consumatori di prendere decisioni informate sui capi di abbigliamento che acquistano. Ciò contribuisce a creare fiducia tra i marchi e i consumatori e fa pressione sulle aziende del fast fashion affinché migliorino le loro pratiche e diventino più trasparenti.

Oltre a promuovere metodi di produzione sostenibili ed etici, la slow fashion ci incoraggia a riflettere più profondamente sulle nostre scelte di abbigliamento. Comprendendo l’impatto che i nostri abiti hanno sull’ambiente e sulle persone che li producono, possiamo prendere decisioni più consapevoli su ciò che compriamo e su come ci prendiamo cura dei nostri abiti. Ciò può significare acquistare abiti di seconda mano o vintage, riparare e rammendare gli abiti che già possediamo o semplicemente comprare meno in generale.

Uno dei maggiori vantaggi della moda slow, spesso trascurato, è che offre un approccio più personale e significativo all’abbigliamento. Invece di inseguire le ultime tendenze e sentire la pressione di aggiornare costantemente il nostro guardaroba, la slow fashion ci incoraggia a sviluppare uno stile personale e a investire in capi che riflettono davvero la nostra individualità. Questo non solo aiuta a ridurre gli sprechi e il consumo eccessivo, ma favorisce anche un più profondo apprezzamento per il valore dei nostri abiti e per l’artigianato che li crea.

Nel complesso, la slow fashion offre un approccio alla moda più olistico e interconnesso.

Sottolineando l’importanza della qualità, della sostenibilità e dell’etica, la slow fashion riconosce che l’abbigliamento non è solo una merce, ma un riflesso dei nostri valori e del nostro legame con il mondo circostante. Ciò significa che la slow fashion non si limita a consumare la moda in modo diverso, ma che si tratta di ripensare completamente il nostro rapporto con la moda.

Fotografa: Melissa Vissa
Fotografa: Melissa Vissa

Esistono molti marchi e iniziative slow fashion, da piccoli stilisti indipendenti a imperi della moda che stanno accelerando drasticamente nell’adozione di pratiche più sostenibili ed etiche. Sostenendo questi marchi e facendo scelte più consapevoli sui nostri abiti, possiamo contribuire a creare un’industria della moda più sostenibile e responsabile per le generazioni a venire.

Se siete pronti ad adottare la slow fashion nel vostro stile di vita, leggete questo articolo di Menabòh su Come implementare la slow fashion nel vostro stile di vita.

No Comments

    Leave a Reply