Moda / Prodotti

HILOS, La Scarpa del Futuro tra Tecnologia e Sostenibilità

Passo dopo passo, il cammino verso la sostenibilità passa anche attraverso l’industria calzaturiera. Quest’ultima è responsabile di un enorme impatto ambientale e sociale che coinvolge l’intera catena del valore. Le emissioni medie di carbonio rilasciate nell’atmosfera ammontano a 30 Kg per ogni paio di scarpe, raddoppiando l’effetto quando si considera la produzione di sneakers.

È importante notare che una scarpa viene solitamente assemblata con più di 40 materiali diversi. Questo dato complica significativamente l’adozione di un modello di business circolare basato sull’allungamento della vita utile del prodotto; riciclare e riutilizzare i vari componenti infatti sono solo alcune delle soluzioni auspicabili per una transizione verso la sostenibilità. L’industria calzaturiera risulta quindi una vera e propria minaccia per le persone e il pianeta, rendendo complessa l’implementazione di un modello di business efficiente basato sull’economia circolare.

Tuttavia, molte aziende stanno già sperimentando materiali innovativi e soluzioni tecnologiche per ridurre drasticamente l’impatto delle calzature sul pianeta e sulle persone che le producono e le indossano.

Un pioniere in questo senso è HILOS, come spiegato nell’ intervista con il fondatore e Chief Executive Elias Stahl.

Ci parli un po’ di HILOS e della sua missione di trasformare l’industria delle calzature di moda?

HILOS è il risultato di un team che ha messo in discussione il sistema produttivo calzaturiero per generare un valore aggiunto anche per il pianeta e per le persone.

Siamo designer, ingegneri e artisti che introducono un modo radicalmente nuovo di fare scarpe, alimentato dalla tecnologia, guidato dal design e ancorato alla sostenibilità.

Crediamo che i progressi nella scienza dei materiali e nella stampa 3D stiano cominciando a trasformare profondamente dove e come facciamo le cose, dando origine a quello che sarà il più grande cambiamento globale dall’era dell’industrializzazione. Questi cambiamenti permetteranno ai brand di lanciare rapidamente nuovi prodotti sul mercato, di produrli solo dopo che il cliente li avrà acquistati, e di riprenderli una volta finito il ciclo di vita utile seguendo i principi di circolarità.

Lei ha toccato il concetto di circolarità. Che cos’è la circolarità, e perché persiste l’urgenza di convertire l’attuale sistema produttivo in uno circolare?

Ogni anno produciamo 24 miliardi di scarpe e una su cinque finisce direttamente in discarica. Solo il 5% delle scarpe oggi viene riciclato.

Le calzature sono solo uno dei tanti esempi delle nostre catene di approvvigionamento estremamente dispendiose.

La circolarità è il concetto di creare prodotti che possono essere rigenerati a fine vita, eliminando il concetto di scarto, convertendolo in risorsa. È un modo per affrontare l’insostenibile quantità di rifiuti che creiamo, evitando che enormi quantità ogni anno finiscano in una discarica.

Uno dei pilastri di HILOS è “Only What is Needed” – cosa significa in termini di produzione?

Crediamo che la circolarità del prodotto sia solo metà dell’equazione. Le aziende producono ancora troppo, spendendo venti centesimi per ogni dollaro per qualcosa che nessuno comprerà mai. Realizzare le cose su richiesta, solo dopo che un prodotto è stato acquistato, può eliminare un quinto dell’impatto ambientale complessivo, mentre si risparmia denaro, che può essere reinvestito nella creazione di un prodotto più sostenibile e circolare.

La pietra angolare di “Only What is Needed” è l’uso della stampa 3D. Come mai è fondamentale per ridurre gli sprechi nella produzione delle scarpe?

La stampa 3D è simile alla stampa 2D. Prende un file digitale e lo traduce in un deposito di materiale, in questo caso, impilato strato per strato, in un oggetto 3D. Le stampanti 3D sono ora abbastanza avanzate per stampare termoplastiche e metalli, materiali tradizionalmente realizzati in prodotti attraverso costose attrezzature e sprechi di stampaggio a iniezione. Poiché questi prodotti sono realizzati completamente nuovi, i designer possono anche stampare disegni che sarebbe impossibile fare tradizionalmente attraverso la forgiatura e lo stampaggio.

Le calzature sono un ottimo esempio. La scarpa di oggi è fatta da una costruzione a strati: diversi materiali incollati insieme, in modo da avere durata sulla suola, comfort sulla soletta, ecc. Questo consuma una quantità pazzesca di colle nocive e rende quasi impossibile il riciclaggio.

La stampa 3D ci permette di prendere quelli che prima erano diversi materiali incollati insieme e invece stampare una singola parte. A sua volta, questo riduce i requisiti di manodopera mentre aumenta il comfort e la durata, e permette la completa circolarità del prodotto.

La stampa 3D trasformerà mai l’industria calzaturiera da una che produce molti rifiuti a una che è di natura circolare?

Non si fermerà solo alle calzature. Mentre HILOS si sta inizialmente concentrando sulle calzature perché è un esempio incredibile di inefficienza e spreco, molti mercati saranno completamente rimodellati dalla stampa 3D. L’abbigliamento e gli accessori sono altri due con livelli simili di sovrapproduzione e spreco, alti requisiti di lavoro e un enorme impatto ambientale.

Dove sarà HILOS tra 10 anni?

Come e dove facciamo le cose ha un impatto drammatico sulla nostra società e sul nostro pianeta. Anche se è un’aspirazione, spero che ci sia abbastanza fiducia nella nostra capacità per rendere scalabili le catene di fornitura on-demand e poter iniziare a passare dalla difesa all’attacco: non solo immaginando come mantenere il nostro pianeta sotto i 2°C, ma immaginando come iniziare a invertire il danno che abbiamo causato, recuperando la biodiversità che avremo perso.

Come esseri umani non smetteremo mai di immaginare o creare – un uccello deve volare e un pesce deve nuotare. Tra dieci anni la mia speranza è che avremo rotto la relazione tra consumo e produzione, creando di più e producendo di meno.

No Comments

    Leave a Reply